Mattia Bernardo Bagnoli: “London. A lot like love”

Invito alla serata “LONDON. A LOT LIKE LOVE”, con Mattia Bernardo Bagnoli

Londra. Città in costante movimento, metropoli al centro di antichi e modernissimi traffici.

A-lot-like-love-mattia-bernardo-bagnoli

In breve: ostetrica della globalizzazione. Celebre quanto sfuggente. Come la lingua inglese, è facilissimo conoscerla male, difficilissimo saperla conquistare. Di una bellezza particolare, Londra esercita il suo fascino da secoli e condiziona le nostre vite in modo sottile anche se viviamo altrove; la capitale britannica resta infatti un centro di potere strabiliante nello scacchiere geopolitico internazionale – benché non lo dia tanto a vedere.

Perché? E qual è il motivo che spinge i ragazzi di tutta Europa (e oltre) a tentare la fortuna sulle rive del Tamigi? Qual è il suo segreto? Che misteri nasconde nelle pieghe della sua fitta storia? Come fare per non lasciarsi travolgere dal suo flusso impetuoso? Ma soprattutto: Londra è ancora una risorsa, per la Gran Bretagna e il Vecchio Mondo, o una supernova impazzita sul punto di esplodere? Tutti gli indicatori – economici quanto sociali – ci dicono che, dietro all’innegabile successo della Capitale, potrebbe nascodersi una bolla di apocalitiche dimensioni.

londra

Meglio prepararsi prima che sia troppo tardi…

 

Mattia Bernardo Bagnoli, ex corrispondente da Londra per l’ANSA e La Stampa, in conversazione con John Hooper, Southern Europe editor del quotidiano britannico Guardian, presenta i libri Misteri, segreti e storie insolite di Londra e Strano ma Londra.

Ottimo pretesto per divagare e affrontare tutti gli interrogativi che circondano la capitale di Sua Maestà, con un pizzico di nostalgia e – chiari fin dal titolo di questa serata – un bel po’ di passione.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>