Storia di un raro marmo antico: la breccia di Hereke 2

Segue da Storia di un raro marmo antico: la breccia di Hereke 1

Puddinga di Hereke

L’apporto della fotografia e molto utile а questo riguardo, mа evidenzia anche lа debolezza di un riconoscimento, che senza il definitivo responso dell’analisi petrografica, risulterà parziale. Non meno importante е l’utilizzo della nomenclatura, che in questo caso ha origine dal luogo di estrazione, mentre il termine antico e troppo generico per l’attribuzione al nostro litoide. Per concludere, il seguente studio vuol contribuire al riconoscimento della «Puddinga di Hereke», per coloro che, in cantieri archeologici, di restauro о architettonici, si devono avvalere, in prima analisi, di un riconoscimento macroscopico del litoide senza l’utilizzo di analisi geologiche о petrografiche. Read More…

Storia di un raro marmo antico: la breccia di Hereke 1

Hereke è un piccolo porto di pescatori lungo la costa del mare di Marmara, a circa 70 chilometri da Istanbul, in uno di quei luoghi che anche agli occhi di un distratto osservatore di carte geografiche fa da pensare che Qualcuno lassù, in un giorno di vivacità fanciullesca, sia messo a modellare come un bambino la Terra.

Il Bosforo, le isole dei Principi, il Corno d’Oro, i Dardanelli, il golfo di Izmit: tutto questo a dividere due mari come il Mar Nero e il Mar Mediterraneo in un gioco unico di vasi comunicati che collegano l’Atlantico alla Russia e il Caucaso. E noi invidiosi di tanto divertimento, abbiamo aperto Suez. Read More…

Nuovi Turismi: introduzione al libro – seconda parte

<< Prima Parte
Non sarà quindi che questo scostamento sia proprio da attribuire al modo in cui viene pianificato lo sviluppo del territorio? Sarà forse per questo che il termine “turismo” ha da qualche decennio assunto un significato negativo e dispregiativo, in contrapposizione alla parola “viaggiare”? Tutte domande a cui gli autori di questo libro esplicitamente ed implicitamente rispondono.
Read More…

Nuovi Turismi: introduzione al libro – prima parte

Se c’è un settore industriale che ha subito i più radicali cambiamenti negli ultimi 30 anni è proprio il turismo.

Queste trasformazioni strutturali non si sono affatto esaurite e proseguono senza dare respiro ne agli operatori, ne agli investitori, ne paradossalmente agli stessi turisti, una minoranza di turisti. Il mercato detta legge con infinità di correnti, mode, abitudini, velocità inseguite disperatamente dai gestori tradizionali del settore: i mass media, i tour operators, le agenzie di viaggio, i vettori e gli alberghi. Avete mai provato a confrontare contemporaneamente una delle più autorevoli riviste di turismo inglese, americana, giapponese, indiana e italiana contemporaneamente?
Read More…